Promessa

Una nuova poesia di Molkolm

Vi suggerisco questo brano di Ludovico Einaudi per accompagnare la lettura 😉

Ricordi la promessa che mi facesti?
Ricordi il sorriso di quella primavera?
Il sole del mattino sul tuo viso, è così che ti vedo ora.
Pensavamo sarebbe durato per sempre,
tutto sembrava avere senso allora.
Momenti sospesi nel tempo
cristallizzati in un attimo di piacere
che galleggiano nel candore del ricordo.
Mi dicesti che non posso sorridere dopo aver riso
che niente accade per caso.
Torniamo a giocare come facevamo un tempo.

Ricordi la promessa che mi facesti?
Ricordi le parole di quell’estate?
Le risate sotto il sole del pomeriggio, è così che ti vedo ora.
I minuti scorrono lenti
lascia andare, lasciati andare,
meravigliosamente complicata
splendidamente complessa
dolcemente sofferente
guardami, ascoltami, toccami
posso finalmente dirti cosa penso
posso finalmente negare i miei silenzi
solo, non sono sicuro da dove iniziare
scusa se sono poco chiaro.
Torniamo a giocare come facevamo un tempo

Ricordi la promessa che mi facesti?
Ricordi gli sguardi di quell’autunno?
I pensieri condivisi nel buio della notte, è così che ti vedo ora.
Ho rivisto il tuo viso stanotte
è stato bello rivederti
è stato bello riascoltarti
pensavo fossi andata via
pensavo fossi fuggita via
è stato bello rivederti
è stato bello riaccarezzarti
pensavo non saresti più tornata
pensavo saresti sbiadita.
Danziamo prima che la notte finisca e
torniamo a giocare come facevamo un tempo.

Leggi anche:  Astro Boy, la mostra in omaggio ad Osamu Tezuka