I bambini CRISPR cinesi potrebbero avere un cervello potenziato

Una nuova ricerca suggerisce che il recente esperimento cinese di modifica genetica potrebbe anche aver migliorato la loro capacità di apprendere e formare ricordi.

Gli scienziati sostengono che il cervello delle due bambine geneticamente modificate nate in Cina potrebbe avere una maggiore capacità cognitiva ed una memoria superiore alla media.

I gemelli, chiamati Lulu e Nana, sono i primi esemplari umani al quale i geni sono stati modificati prima della nascita da un gruppo scientifico cinese, che ha utilizzato il nuovo strumento di editing CRISPR. L’obiettivo era quello di rendere le ragazze immuni dall’infezione da HIV, il virus che causa l’AIDS.

Ora, una nuova ricerca mostra che la stessa alterazione introdotta nel DNA delle ragazze, cioè la cancellazione di un gene chiamato CCR5, non solo rende i topi da laboratorio più intelligenti ma migliora anche il recupero del cervello umano dopo l’ictus, e potrebbe essere collegato a un maggiore successo a scuola.

“La risposta è probabilmente sì, ha modificato il loro cervello”

Lo afferma Alcino J. Silva, un neurobiologo dell’Università della California, a Los Angeles, il cui laboratorio ha scoperto un nuovo importante ruolo per il gene CCR5 nella memoria e la capacità del cervello di formare nuove connessioni.

“L’interpretazione più semplice è che quelle mutazioni avranno probabilmente un impatto sulla funzione cognitiva nei gemelli”

Silva sostiene che l’effetto esatto sulla cognizione delle ragazze è impossibile da prevedere e “questo è proprio il motivo per cui non dovrebbe essere fatto”. 

He Jiankui posa per le telecamere della Associated Press nei giorni precedenti alla scoperta dei suoi esperimenti di modifica genetica.

Il team cinese, guidato da He Jiankui della Southern University of Science and Technology di Shenzhen, ha affermato di aver utilizzato CRISPR per eliminare CCR5 da embrioni umani, alcuni dei quali sono stati successivamente utilizzati per creare gravidanze. L’HIV per poter contagiare gli esseri umani richiede che il gene CCR5 sia presente.

Leggi anche:  La chimica del carbonio - ScienceBitch #1

L’esperimento è stato ampiamente condannato come irresponsabile, ed è sotto inchiesta in Cina. Le notizie dei primi bambini geneticamente modificati hanno anche infiammato la speculazione sul fatto che in futuro la tecnologia CRISPR possa venire utilizzata per creare esseri umani super-intelligenti, forse come parte di una corsa biotecnologica tra Stati Uniti e Cina.

Non ci sono prove che Jiankui abbia effettivamente deciso di modificare intenzionalmente l’intelligenza dei gemelli.

La rivista MIT Technology Review ha contattato scienziati che studiavano gli effetti del CCR5 sulla cognizione e affermano che lo scienziato cinese non ha mai contattato altri scienziati che studiano il cervello per ottenere consulenza o supporto scientifico.

“Per quanto ne so, non abbiamo mai sentito da lui”, dice Miou Zhou, professore alla Western University of Health Sciences in California.

Sebbene non abbia mai consultato altri ricercatori del settore, lo scienziato cinese era certamente a conoscenza del legame tra CCR5 e cognizione.

È stato mostrato per la prima volta nel 2016 da Zhou e Silva che hanno scoperto che la rimozione del gene dai topi ha migliorato significativamente la memoria. Nella ricerca il team aveva esaminato oltre 140 diverse alterazioni genetiche per cercare di rendere i topi più intelligenti.

Silva dice che a causa della sua ricerca, a volte interagisca con personaggi della Silicon Valley (e non solo) che provano, a suo parere, un malsano interesse per i bambini dotati di un cervello superiore.

Ecco perché quando la nascita dei gemelli è diventata pubblica il 25 novembre, Silva si è immediatamente chiesto se fosse stato un tentativo di un’alterazione genetica con questo scopo.

Leggi anche:  Una nuova specie: mix di lupi, coyote e cani

“Improvvisamente me ne sono reso conto… Oh, santo cielo, sono cose davvero serie, non cazzate. […] La mia reazione è stata di repulsione e viscerale e tristezza”.

Alcino J. Silva

Durante un summit di scienziati che si occupano di modifica genetica, avvenuto due giorni dopo a Hong Kong, ha riconosciuto di aver sempre saputo i potenziali effetti cerebrali della ricerca dell’UCLA.

“Ho visto quel documento, ha bisogno di più verifiche indipendenti”, ha risposto quando gli è stato chiesto durante una sessione di domande e risposte (video qui ). Ha poi aggiunto: “Sono contrario all’uso del genome editing per il miglioramento umano.” 

Qualunque siano i suoi veri obiettivi, le prove continuano a dimostrare che CCR5 svolge un ruolo molto importante nel cervello. Oggi, ad esempio, Silva e un team formato in collaborazione tra Stati Uniti e Israele, afferma di avere una nuova prova del fatto che CCR5 agisce da soppressore di memorie e connessioni sinaptiche.

CCR5 ictus e miglior rendimento scolastico

Inoltre, secondo il loro nuovo paper (rapporto) apparso nella rivista Cell, le persone che naturalmente non hanno il CCR5 si riprendono più rapidamente dagli ictus e se non bastasse hanno evidenziato che le persone a cui manca almeno una copia del gene sembrano andare meglio a scuola, suggerendo un possibile ruolo nell’intelligenza di tutti i giorni.

“Siamo i primi a riportare una funzione di CCR5 nel cervello umano e la prima a segnalare un livello di istruzione superiore”, afferma il biologo dell’UCLA, S. Thomas Carmichael, che ha guidato il nuovo studio. Ha descritto come allettante il collegamento col successo educativo, ma afferma anche che c’è bisogno di ulteriori studi in merito

Leggi anche:  Vero Ma Strano News! #7

Le scoperte su CCR5 sono già state seguite nelle sperimentazioni di farmaci sia su pazienti colpiti da ictus che su persone con HIV, che a volte soffrono di problemi di memoria. In quegli studi (uno dei quali è tutt’ora in corso presso l’UCLA) alle persone viene somministrato un farmaco anti-HIV chiamato Maraviroc, che blocca chimicamente CCR5 per vedere se migliora la loro cognizione.

Silva dice che c’è una grande differenza tra provare a correggere i deficit in questi pazienti e cercare di creare miglioramenti, dichiarando:

“I problemi cognitivi sono uno dei maggiori bisogni insoddisfatti in medicina. Abbiamo bisogno di droghe, ma è un’altra cosa prendere persone normali e assorbire il DNA o la chimica per migliorarle. Semplicemente non sappiamo abbastanza per farlo. La natura ha raggiunto un ottimo equilibrio “.

Solo perché non dovremmo alterare la normale intelligenza non significa che non possiamo. Silva afferma che le manipolazioni genetiche utilizzate per creare “topi intelligenti” mostrano che non solo è possibile, ma che il cambiamento di CCR5 ha effetti particolarmente importanti.

“Potrebbe essere concepibile che a un certo punto del futuro potremmo aumentare il QI medio della popolazione? Non sarei uno scienziato se dicessi di no. Il lavoro nei topi dimostra che la risposta potrebbe essere sì, ma i topi non sono persone. Semplicemente non sappiamo quali saranno le conseguenze in giro. Non siamo ancora pronti per questo”.

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo con i tuoi amici!