Internet non è solo un veicolo: è condivisione del sapere. La rete è innanzitutto un concetto filosofico

Zoroastro da i Numeri

Lo Zoroastrimo for Dummies

Cari amici di Mente Digitale, bentornati alla seconda puntata dedicata alla religione fondata da Zoroastro.

Lo Zoroastrismo è una religione estremamente antica, di cui sa veramente poco e quel che si sa… spesso è contraddittorio. In questo breve articolo, cercheremo di capirla al meglio utilizzando un po dei suoi numeri principali, includendo anche curiosità provenienti da questo affascinante universo.

 

Il capolavoro di Nietzsche

STORIA

  • 6480 a.C: secondo lo storico Xanto Lidio fu l’anno di morte di Zoroastro. Nei suoi scritti parla che egli morì “6000 anni prima che Serse I sbarcasse in Grecia“. Ovviamente, come facile immaginare, questa data non ha ALCUN senso logico, ne storico.
  • 1783 a.C: secondo la Società Zoroastriana Italiana è la data in cui Zoroastro cominciò a predicare la parola del Signore del Sapere. Anche questa data non ha alcun fondamento.
  • 618 a.C: secondo lo storico Gherardo Gnoli, esso fu l’anno di nascita del Grande Profeta (concordo con tale teoria, visto che si basa su antichi testi partici).
  • 541 a.C:  l’anno in cui morì Zoroastro, sempre secondo le teorie del Prof. Gnoli.
  • 522 a.C:  Si ha la prima prova concreta che lo Zoroastrismo sia divenuto la religione di stato dell’ Impero Achemenide, questo si può evincere del famoso discorso che fece il terzo Gran Re di Persia, Dario I il Grande, in cui ringraziò Ahura Mazda per avergli dato la forza di sconfiggere l’usurpatore Gaumata.
  • 470 a.C: viene acceso per la prima volta il Fuoco millenario nella Città Sacra di Yazd, il quale brucia ancora adesso, testimone di come questa religione non sia scomparsa, neppure dopo la conquista islamica della Persia.
  • 400 a.C:per la prima volta ,viene messa in forma scritta l’ Avesta, il libro sacro dello Zoroastrismo.
  • 400600 d.C: Viene redatta la versione odierna dell’ Avesta. Non si ha alcuna traccia di versioni precedenti. Le principali fasi della creazione dell’opera attuale avvenne tramite quattro sovrani Sasanidi:
Leggi anche:  Conta i Cieli
  1. Ardaser ordinò all’Alto Magus Tansar di completare il lavoro di ritrovo degli antichi testi cominciato dagli Arsacidi ( i Parti);
  2. Šāpūr I iniziò una ricerca per ritrovare i documenti dispersi dai Greci e li fece reintrodurre nell’Avesta;
  3. Con Sapur II il sacerdote Adurbad di Mahraspandan effettuò una revisione generale del canone e ne assicurò il carattere ortodosso;
  4. Sotto Cosroe I fu effettuata una revisione finale della traduzione pahlavi.
  • 1861 d.C: viene fondata a Londra la ZOROASTRIAN TRUST FOUNDS OF EUROPE.
  • 2005 d.C: nasce a Mumbai la WORLD ALLIANCE OF PARSI AND IRAN ZARTHOSTHIS (WAPIZ).
Il Grande Profeta

 

NOZIONI RELIGIOSE

  • 3000: gli anni che ci mise Ahura Mazda per poter creare l’intero Creato (non solo il pianeta Terra, ma proprio tutti i Multiversi).La creazione venne divisa in sei periodi, ognuno formato da cinque secoli. In questi anni creò anche il male, che prese il nome di Ahrimann, il quale non stette a farsi un pisolino per tutto questo tempo, anzi…. deformò in maniera orribile molte delle creature della luce.
L’oscurità zoroastriana
  • 21: il numero degli inni avestici, ovvero i libri che compongono il testo sacro, essi vengono anche chiamati Nasks.
  • 8: il numero degli Otto Benefattori (chiamati anche Ahunwar), ovvero il concilio di divinità che unite assieme formano il Dio Supremo Ahura Mazda. Essi sono:
  1. Ahura Mazda stesso (SaggIo Maestro):il suo dominio è sugli Uomini.
  2. Vohu Manah (Buon Pensiero): il suo dominio è sugli Animali Benefattori (tra cui troviamo i cani, i tori, le mucche, gli scorpioni e i falchi).
  3. Asha Vahista (Sommo Asha): il suo dominio è sul Fuoco.
  4. Xsathra Variia  (il meritato potere del sovrano): il suo dominio è sul Metallo.
  5. Spenta Armaiti (la docilità benefica): il suo dominio è sulla Terra.
  6. Haurwatat (totalità): il suo dominio è sull’ Acqua.
  7. Ameretat (immortalità): il suo dominio è sulle Piante.
  8. Mithra (il grande giudice guerriero): il suo dominio è sulle Armi e sulle Guerre. E’ un dio molto antico, che vennero assimilato dagli zoroastriani per convincere le altre popolazioni a convertirsi. Secondo molti Magus, non era neppure un Ahunwar
Leggi anche:  Susanoo no Mikoto
I sette aspetti del bene
  • 5: i diversi tipi di Fuoco dello Zoroastrismo, essi sono:
  1. Barezi – Savangh (il fine supremo): il Fuoco che usò Ahura Mazda per creare tutto ciò che esiste, dove ne usò di meno si formò il mondo di tenebra, in essa si creò Ahrimann. Si autoalimenta, non può essere estinto. Questo Fuoco è ancora più antico del Dio Supremo.
  2. Vohu Frayan (il buon propagatore): presente nel corpo degli uomini e degli animali, è alimentato dal cibo e dall’acqua.
  3. Urvazisht(il più utile): presente nelle piante. questo tipo di energia necessita di acqua, ma non di cibo
  4. Vazisht ( colui che supporta ): presente nelle nuvole, è quello che crea i lampi e i tuoni. Non ha bisogno ne di cibo ne di acqua.
  5. Spenisht (il più benefico e più brillante): presente nella volontà e nelle ambizioni, è il Fuoco che noi vediamo e che conosciamo, richiede del cibo per sostenersi.
  • 4: il numero dei uomini primordiali che misero incinta la demone della Bugia, Druj, la quale creò la Menzogna, Druh.
  • 3: il credo dello Zoroastrismo è basato su tre brevi concetti.

 

Buone opere

   Buone parole

                                                                                    Buoni pensieri

  • 2: indica la Bivalenza tra Ahura Mazda e la sua controparte maligna, Ahrimann.
  • 1: L’ Individualità, uno dei beni più preziosi che ci sono stati dati da Ahura Mazda, ognuno è padrone del proprio fato, delle proprie scelte, del proprio libero arbitrio.
  • : Il numero che non esiste nello Zoroastrismo, niente e nessuno è zero.
Leggi anche:  Artemisia di Caria - I Cazzi Duri della Storia #4

CURIOSITA’

  • 130.000: il numero di zoroastriani dichiarati in tutto il mondo, le comunità più grandi sono: a Bombay (114.890)  negli U.S.A (10.000),  a Londra (5.000) e in Australia/Nuova Zelanda ( 2.000).
  • 1889 d.C: In “Ecce Homo” , Nietzsche parlò di Zarathustra come la “prima persona che comprese a fondo la lotta tra bene e male, la vera ruota nell’ingranaggio delle cose”.
  • 1887 d.C:  Nietzsche citò per la prima volta Zoroastro nei “Canti del principe Vogel Frei“.
  • 200:secondo la legge dell’Impero Persiano ,i colpi di frusta e di staffile che avrebbero subito coloro che si sarebbero macchiati del crimine dell’uccisione di un cane da pastore.
  • 77: Gli anni che aveva Zoroastro quando venne assassinato da Brādrēs, un karapan ( un seguace delle antiche religioni, che vennero sostituite dal culto di Ahura Mazda).
  • 30/40: Gli anni che aveva Zoroastro quando iniziò a predicare.
Nietzsche

BIBLIOGRAFIA

  1. Zarathustra e lo Zoroastrismo; Micheal Stausberg
  2. La religione dell’ Iran antico e Zoroastro/ La religione zoroastriana ; Gherardo Gnoli 
  3. La Persia Antica; Josef Wiesehofer 
  4. The Image of Zoroaster. The Persian Mage through European Eyes; Jenny Rose
  5. L’Avesta (che si può scaricare in maniera legale tramite questo link)
  6. Encyclopedia iranica