MERLINO

Vi raccontiamo la storia del famoso mago protagonista dei cicli Arturiani

Merlino è uno dei protagonisti del Ciclo Arturiano, sua allieva (e rivale nelle versioni più recenti dei racconti arturiani) fu Morgana, un altro personaggio magico importante della tradizione arturiana.

Nacque quando il Diavolo seppe che Cristo aveva sacrificato la sua vita per il genere umano e si consultò con gli arcidiavoli su come rendere questo sacrificio vano; uno di loro consigliò che un demone avrebbe potuto, sotto fattezze umane, sposare una mortale da cui sarebbe nato l’Anticristo… e ciò avvenne.

Il demone assunse le sembianze di un cavaliere e prese in moglie una mortale poi quando ella rimase incinta e stava per nascere il bambino egli sparì e non se ne seppe più nulla.

Ella in preda alla disperazione e alla malinconia un giorno mentre contemplava il figlio, nato da pochi giorni, lo sentì parlare e si convinse che Merlino fosse il figlio del diavolo, andò dal confessore che decise di battezzarlo, facendolo così diventare un semi-diavolo con poteri magici.

Secondo Goffredo di Monmouth Merlino era invece figlio di uno spirito e di una principessa.

Il Re Vortigern era disperato perché ogni qualvolta che egli faceva costruire le mura esse crollavano, i suoi maghi gli consigliarono di mescolare la calce con il sangue di un fanciullo di sette anni il cui padre fosse misteriosamente scomparso e così mandò dodici guerrieri alla ricerca dell’infante.

Uno di loro capitò in un paese dove c’erano dei bambini che giocavano e prelevarono dal gruppetto un fanciullo dicendogli che era lui colui che cercavano.

Leggi anche:  Il tramonto dei druidi

Arrivato alla corte del Re, Merlino disse che sotto le mura c’erano due draghi addormentati (uno rosso e uno bianco) e, a causa del peso, si scuotevano facendo franare tutto; il Re diede ordine di scavare sotto le mura e, una volta svegliate, le mitologiche bestie cominciarono a combattere tra di loro finché il drago bianco uccise quello rosso finendo per morire anche lui in seguito alle ferite riportate.

Vortigern e Uter drago bianco drago rosso

Il Re chiese il significato e Merlino gli rispose che che il drago bianco era Vortigern e il drago rosso Uter Pendragon il legittimo erede al trono di Camelot (Vortigern ne era invece l’usurpatore) e che presto Uter sarebbe arrivato per sconfiggerlo e riprendersi il trono, ciò avvenne nei successivi tre anni.

Leggi anche:  La gustosa rivoluzione Tegliologica: il Pastafarianesimo

Nei successivi anni Merlino rimase accanto a Re Uter come consigliere e fu lui che diede in affido Artù quando Uter uccise il duca di Tintagel perché innamorato della moglie Igraine sposandola in gran segreto affidando, appunto, il figlio ad un cavaliere di nome Ector.

Uther Anthony Head Merlin
Re Uther interpretato da Anthony Head nella serie tv “Merlin”

Secondo alcune leggende dopo la morte del Re ci fu un’aspra guerra tra i nobili per chi dovesse prendere il trono e la notte di Natale, nel piazzale della chiesa, comparve una grande pietra quadrata su cui c’era un’incudine con infilata una spada, ovvero Excalibur e sulla pietra erano incise queste parole:

“COLUI CHE ESTRARRÀ QUESTA SPADA DALL’INCUDINE, QUESTI SARÀ IL LEGITTIMO RE DI TUTTA INGHILTERRA”.

Tanti i nobili e i duchi si cimentarono nell’impresa di cercare di estrarre la spada non riuscendoci rimanendo solida al marmo, finché si avvicinò il giovane Artù e la tolse con estrema facilità, divenendo in seguito Re di Britannia. Più avanti Merlino, dal nulla, fece comparire la Tavola Rotonda intorno alla quale si trovavano centocinquanta seggi di legno scolpito e su alcuni di essi erano scritto in oro i nomi di coloro che dovevano occuparli, se qualcuno si fosse seduto alla destra del re sarebbe stato inghiottito dalla terra dato che su tale seggio si sarebbe seduto l’eroico cavaliere conquistatore del Santo Graal.

Leggi anche:  Melkor, il primo Signore Oscuro

Merlino un giorno Merlino scomparve ingannato da Viviana diventando il suo sposo prigioniero in una sorta di castello fatto d’aria (fu lui ad insegnarle come costruirlo) anche se a quanto pare non ne fu così dispiaciuto.

Merlino e Viviana

Altre fonti, per esempio il ciclo francese del Lancillotto in prosa, elaborano il personaggio in direzione opposta, arrivando a dire che Merlino non era stato battezzato e che per tutta la vita aveva servito il male.

Ma noi tutti l’abbiamo conosciuto nel capolavoro Disney “La Spada Nella Roccia” dove viene dipinto come un burbero mago e accompagnato dal gufo brontolone Anacleto istruendo il giovane Semola.

Ti è piaciuto l’articolo? Commenta e condividilo coi tuoi amici!